Comprare e vendere

COMPRARE E VENDERE

Il rapporto conflittuale tra i musicisti e i verbi vendere e comprare.

C’è un rapporto conflittuale tra i musicisti e i verbi vendere e comprare.

Il motivo risiede nel non avere chiari i due livelli che portano al concretizzarsi delle occasioni concertistiche e al mantenimento di un’attività artistica solida e ben strutturata, sulla quale contare.

Il primo livello – vendere – è tutto ciò che accade prima di salire sul palco, è un verbo che sintetizza una serie ben definita di azioni da compiere. Vendere, vuol dire offrire agli altri la possibilità di scegliere tra la vostra proposta e quella di qualcun altro: non è mai chiedere ma sempre dare.

Spostando la visuale in questa ottica, appare tutto più naturale e si comincia a capire quanto, per far sì che gli altri abbiano tutti gli elementi per poter scegliere, sia importante pro-muoversi, cioè muoversi avanti, muoversi verso, anche grazie a tutti i canali comunicativi disponibili: di persona, sul web, sui social.

Il secondo livello – comprare – è invece ciò che succede a vendita avvenuta, dopo il concerto, ed ha a che fare con il legame che mantenete con il vostro cliente ossia l’associazione, il festival, la stagione che ha comprato il vostro concerto.

Chi compra qualcosa da noi, un concerto, una masterclass, un corso, non ha solo capito i vantaggi che questo può offrirgli e l’esigenza che andrà a risolvergli, ha fatto di più: ci ha dato fiducia.

E fiducia è una parola che ha un peso notevole nei rapporti tra le persone.

Vendere e comprare sono dunque due termini ai quali, nella musica classica, andrebbe restituita dignità e valore: iniziamo ad usarli con orgoglio e senza scusarci dopo averli pronunciati.

copertina arancio ritratto Tiziana Tentoni scritta CONCERTI PLUS il corso per aumentare il numero dei concerti

🟧 CONCERTI PLUS 🟧

Il corso completo per aumentare il numero dei concerti
Presentazione live corso STASERA!
Mercoledì 22 novembre | h. 21:00 | su Google Meet

(chiusura prenotazioni h. 17:00)

👉 Parlavo dell’argomento vendere già nel 2019, ecco un articolo scherzoso sulle reazioni dei musicisti alla parola vendere, si chiama Mi vendo: buona lettura!

NEW YORK on Spotify

Un omaggio alla città che amo di più al mondo, quella che ha in sé 1000 altre città e dove mi sento a casa sempre. Sulle note di Dvořák, Bernstein, Gershwin, e ascoltando anche Lou Reed, Leonard Cohen e Liza Minnelli, voliamo insieme nella Grande Mela ❤️🍎🇺🇸

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
DI TIZIANA