Emergenza social

EMERGENZA SOCIAL

TITOLO e sottotittolo Emergenza social
Mi chiedo sempre perché chi sta nell’ambito della musica classica non si esprima altro che sui propri traguardi e non intervenga nel dibattito sociale.

Rientriamo da un’estate di conferme della deriva informativa alla quale portano i social sui quali così tanto tempo passiamo ogni giorno. Non basta la tragedia delle notizie stesse, bisogna sopportare anche le migliaia di commenti, giudizi, offese e la tanta ignoranza espressa con rabbia e presunzione da chiunque si trovi a passare per uno dei social di turno, magari tra un torneo di racchettoni e l’altro.

Ciò che manca, a questa piazza che virtuale non è visto che ci si fidanza, si rompono amicizie, si stringono accordi di lavoro, sono voci consapevoli con una formazione strutturata e una crescita individuale fatta di impegno, emozione e sacrifici e che dunque hanno una visuale più ampia di azione critica e possono dare contributi e spunti preziosi.

Come i musicisti.

Mi chiedo sempre perché solo pochissimi professionisti della musica classica condividono la loro opinione su un fatto di cronaca o su un avvenimento che fa discutere, limitandosi per lo più ad una comunicazione social che spazia in una realtà ristretta ed egoriferita, fatta di traguardi, concerti, masterclass, CD e successi interplanetari “di pubblico e critica”.

Abbiamo bisogno di credibilità autorevole sui social, quella di persone abituate a giudicarsi perché ambiscono ad elevarsi e che di conseguenza possono proporre una prospettiva interessante da condividere, fosse anche esprimendo un’opinione che inneschi una discussione serrata e argomentata.

Come i musicisti, ripeto.

Se c’è qualcosa che mi auguro, e lo farò io per prima naturalmente, è di poter leggere sempre più professionisti della musica classica che, insieme alla comprensibile attività autocelebrativa, si calino nell’attualità e trovino il coraggio di mettere il naso fuori per entrare nel dibattito sociale.

Bentornati!

👛 PROMO SUI CORSI DELL’ACADEMY!

Inserisci il codice ESTATE23 e risparmia il 20%!
Tutti i corsi sono on demand, puoi farli dove vuoi, quando vuoi e 24 ore su 24.

👉 L’importanza di sostenere i giovani nelle loro passioni e il ruolo che può avere la musica: un articolo che ho scritto per riflettere sui fatti tragici di Palermo, si chiama Luce nel buio e puoi leggerlo qui.

RITORNI on Spotify

Una playlist che esplora il tema del ritorno, vero o sperato: da Monteverdi, a Mozart, e poi Schubert e Rameau. Per celebrare il nuovo inizio di questi giorni e i nuovi progetti che si realizzeranno. 🚀🎵⭐

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
DI TIZIANA